Viaggi Sull'isola di MSC Crociere nate le prime tartarughe

Sull’isola di MSC Crociere nate le prime tartarughe

A partire da agosto centinaia di piccole tartarughe marine Loggerhead hanno popolato Ocean Cay MSC Marine Reserve l’isola privata della Compagnia. Sono stati ritrovati diversi nidi, con i piccoli che appena nati si sono diretti verso il mare. Tutto questo sottolinea il successo del progetto di MSC Crociere per riportare l’isola e le acque circostanti al suo antico status fiorente. Finora sull’isola sono stati identificati più di sei nidi che sono stati sottoposti subito ad un costante monitoraggio.

Ocean Cay MSC Marine Reserve è l’isola privata di MSC Crociere alle Bahamas nata grazie al forte impegno profuso dalla Compagnia per la conservazione della vita marina, con 64 miglia quadrate di acque protette intorno all’isola. Fin dalla sua concezione, l’obiettivo di Ocean Cay è stato sempre quello di riportare l’ex sito industriale adibito all’estrazione di sabbia alla sua bellezza incontaminata e ripopolare l’isola con le specie locali di flora e fauna sia sulla terraferma che nell’ambiente marino. Da quando ha aperto al pubblico alla fine del 2019, l’isola si è progressivamente trasformata in un lussureggiante paradiso tropicale con un ricco ecosistema che ha permesso alle tartarughe marine Loggerhead di nidificare sull’isola.

Bahamas, Ocean Cay MSC Marine Reserve Photo credit: Conrad Schutt

Linden Coppell, direttore della sostenibilità di MSC Crociere, ha dichiarato: “Siamo tutti assolutamente entusiasti di vedere le tartarughe Loggerhead venire sulle spiagge di Ocean Cay per deporre le uova così presto. Solitamente la scelta di un nuovo sito di nidificazione avviene solo dopo molti anni dalla nascita o dallo sviluppo di un ecosistema e noi stessi non sapevamo se questo evento si sarebbe mai verificato su Ocean Cay. Speriamo che anche i neonati, una volta cresciuti, possano tornare su questa magnifica isola a deporre le loro uova“.

Linden Coppell-dir Sostenibilità MSC Crociere

Durante la riconversione dell’isola, è stata identificata anche una zona d’acqua dolce particolarmente adatta alla proliferazione della popolazione aviaria: oggi sono state avvistate diverse specie tra cui gufi e coppie di uccelli che scelgono l’isola per riprodursi.

Una delle priorità di Ocean Cay è il ripristino del corallo che, come parte integrante dell’ecosistema marino, deve essere protetto per assicurare la biodiversità e proteggere le coste. La vita marina intorno all’isola è fiorente e le acque sono diventate popolari per diverse specie caratteristiche, tra cui le tartarughe marine verdi, Hawksbill e Loggerhead, con frequenti avvistamenti nelle acque circostanti. Ocean Cay è oggi un luogo fondamentale per le giovani tartarughe marine e per gli avannotti, che frequentano ambienti come i letti di fanerogame e le barriere coralline per alimentarsi.

Tutti i siti di nidificazione individuati da quest’anno sull’isola sono stati contrassegnati e sono regolarmente monitorati al fine di proteggere queste specie vulnerabili e garantire loro le migliori possibilità di sopravvivenza. All’interno del Piano di Gestione della Biodiversità dell’isola sono in atto procedure per garantire la valorizzazione dell’area e assicurare la protezione delle tartarughe, in particolare durante la stagione della deposizione delle uova.

Ocean Cay MSC Marine Reserve è un luogo unico tra gli itinerari caraibici di MSC Crociere e ogni aspetto dell’isola è stato pensato con la volontà di creare un’esperienza davvero indimenticabile fondata sulla filosofia dell’isola: la scoperta della natura. Questa destinazione sostenibile offre attività che permettono agli ospiti di connettersi con la natura e sono in corso piani per lo studio della protezione degli oceani e la sensibilizzazione sull’importanza di preservare le barriere coralline attraverso programmi di edutainment dedicati.

Serena Bernardo
Serena Bernardohttps://www.viggichannel.com/
Giornalista televisiva da oltre...beh...da un sacco di tempo! Mi diverto a raccontare di viaggi e luoghi incantevoli e incantati, di nuovi ristoranti e di chef emergenti, me la cavo in cucina (ma solo col sapore perché l'estetica dei miei piatti lascia a desiderare) e attingo dalla mia formazione universitaria per parlare di salute e medicina.

Potrebbero interessarti anche:

I nostri Partner