Le ” Chimere ” di Annavera Viva al Rione Sanità


Pubblicato il: 24 Ottobre 2016


Il 27 ottobre è la prima volta che Annavera Viva presenta il suo romanzo giallo “Chimere”, nel luogo e con le persone che si occupano del Rione Sanità che l’ha ispirato. Perciò è un giorno molto importante, che l’autrice condividerà con la Cooperativa La Paranza, che ospita l’evento e l’Associazione Adda Passà ‘a Nuttata, che operano attivamente sul territorio, e possono raccontare dal vivo esperienze e vittorie maturate man mano in un quartiere difficile e spesso lasciato nell’incuria, sebbene sia in cuore di Napoli. Chimere è il secondo giallo di Annavera Viva, che segue Questioni di Sangue (Homo Scrivens), romanzo nel quale compaiono per la prima volta Padre Raffaele e Don Peppino, i due fratelli separati alla nascita e destinati a percorrere strade opposte. Due storie che sebbene partono da una trama noir, presentano il rione in tutta la sua bellezza sia per l’umanità dei suoi abitanti, sia per i monumenti e la varietà architettonica e culturale unica. Un taglio importante mette in evidenza l’importanza dell’indirizzare bene i giovani, mente un altro racconta la cucina napoletana, definiti gialli sociali, hanno pagine dove l’amore per Napoli, esce sempre, cosa non scontata per una scrittrice salentina.
annavera-viva-1
Si parlerà del libro o forse si dovrebbe dire dei libri, in un luogo rappresentativo, come l’Ipogeo della Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte, ospiti della Cooperativa la Paranza che dal 2006 opera per creare lavoro attraverso la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale del Rione Sanità. Attiva in uno dei quartieri di Napoli in cui è più evidente la convivenza tra grandi differenze socio-culturali ed enormi risorse. Proprio da queste differenze ha avviato un cammino di autosviluppo per dare un respiro internazionale a una zona che dal 1810 vive la condizione di “periferia del centro storico”.

Con L’autrice, dialogano lo scrittore e giornalista Piero Antonio Toma, il presidente della Terza Municipalità Ivo Poggiani, e Vincenzo Porzio in rappresentanza della Cooperativa La Paranza, moderati da Davide D’Errico, presidente dell’associazione Adda Passà ‘a Nuttata, realtà NO-PROFIT costituita da soli volontari under 25, che vanta una esperienza di 6 anni nel campo delle politiche attive, del volontariato, della comunicazione sociale, dell’integrazione sociale e della promozione della legalità. Nata nell’Aprile del 2010 dal sogno di 5 ragazzi di diventare protagonisti del riscatto morale, culturale, artistico e sociale della città negli anni in cui Napoli viveva l’emergenza dei rifiuti.



<span class="empty"> </span>

<span class="empty"> </span>

<span class="empty"> </span>

<span class="empty"> </span>